Sviluppo senza scuola

D. In quale misura uno si può sviluppare senza una scuola?

R. Nessun reale sviluppo dell’essere è possibile senza scuole, o, piuttosto, esso è possibile in una certa misura ma è generalmente incompleto. Il giusto sviluppo dell’essere è impossibile senza scuole perché uno non può sorvegliare se stesso, non può essere sufficientemente rigoroso con se stesso. E non è soltanto un problema di essere rigorosi: uno semplicemente può non ricordare le cose al momento giusto, può dimenticare, o può rendere le cose facili per se stesso. Se fosse possibile lavorare da soli, le scuole sarebbero una perdita di tempo e non sarebbero necessari i sistemi; ma dato che esistono, ciò significa che è impossibile farne a meno. Uno da solo non può avere un piano, un sistema. E come ci si può sviluppare senza un piano o un sistema? Come può qualsiasi lavoro esser fatto? Come si può ottenere la necessaria conoscenza, comprendere la propria posizione, sapere ciò che si deve fare? Non si può nemmeno ottenere la conoscenza preliminare con cui poter cominciare.

La Quarta Via

Pubblicato in La Quarta Via, Ouspensky Taggato con: , ,

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi